CERIMONIA ALLA MADRE TERRA
23 aprile 2015 By Handpan Festival

Ieri 22 aprile è stato giorno di equinozio di primavera e giorno in cui si è celebrala “La Giornata della Terra” (in inglese Earth Day), nome usato per indicare il giorno in cui si celebra l’ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra.

E oggi comunichiamo che anche noi seguendo la tradizione, Sabato 12 giugno alle 18:30, come Milano Handpan Festival in collaborazione con la “Comunidad de los Pueblos de la PACHAMAMA” e l’Associazione CasciNet realizzeremo la “CERIMONIA ALLA MADRE TERRA”.

Tale manifestazione s’inserisce nel progetto “Terra Chiama Milano” teso a rivalutare gli spazi esterni adiacenti alla Cascina Sant’Ambrogio attraverso la partecipazione di tutta la cittadinanza, delle scuole, degli enti profit e non profit, del Comune di Milano.
Il tutto all’interno di un percorso di sensibilizzazione profondo che possa intervenire sulle giovani generazioni attraverso il contatto con la terra basandosi sull’idea che uno sviluppo sostenibile della nostra città e del mondo intero deriva dalla consapevolezza delle proprie azioni quotidiane.

Ma soprattutto tale manifestazione verrà effettuata direttamente da alcuni rappresentanti sudamericani, che lottano per l’indipendenza del popolo Mapuche, appartenenti alla “Comunidad de los Pueblos de la PACHAMAMA”: associazione latinomaricana esistente a Milano.

Per questo la “CERIMONIA ALLA MADRE TERRA” seguirà rigorosamente il rituale mapuche e avrà questo programma all’interno del quale si pianterà un albero chiamato PACHAMAMA (il quale inserito nel contesto “Terra Chiama Milano” per salvaguardare la biodiversità sarà di origine autoctona):

Cerimonia del saluto ai corpi: saluto con un piccolo cerimoniale a tutti i partecipanti dell’evento e saluto a i quattro punti cardinali (nord –sud-est-ovest), cioè a tutti i popoli, abitanti della Madre Terra – o Pachamama / Gaia.

Cerimonia di saluto al Sole, alla Luna e ai quattro elementi dell’energia: L’Acqua (che è nel nostro corpo); La Terra (che è nel nostro corpo come minerali); L’Aria (che è nel nostro corpo come ossigeno); Fuoco (che è nel nostro corpo con l’energia del Sole)

Si inizia con un piccolo canto verso la Madre terra e il Padre Sole; di seguito i partecipanti vengono invitati a girarsi in senso orario verso i quattro punti cardinali.

Un suono di corno Trutruca, noto anche come corno Mapuche (strumento a vento Mapuche), e un Kultrun (strumento di percussione Mapuche) salutano suonando: i partecipanti con le braccia alzate e agitando le mani seguono il ritmo o cantano (YAIYAIYAIYAI).

Si finisce con un unisono di tamburi e ballo ritmico. Poi un abbraccio collettivo in piccoli circoli di energia.

Gli strumenti della cerimonia:
• Vento – flauti, corni Trutuca
• Terra – Tamburi, Kultrun
• Aria – Cascabeles

Tempo delle cerimonie: 10 minuti ognuna.
Canto cerimoniale: TODOS JUNTOS (Los Jaivas)
Hace mucho tiempo que yo vivo preguntándome – Da tanto tempo io vivo chiedendomi
Para qué la tierra es tan redonda y una sola no más – Perché la Terra è così rotonda ed una soltanto
Si vivimos todos separados – Se noi tutti viviamo separatamente
Para qué son el cielo y el mar – Perché il cielo e il mare
Para qué es el sol que nos alumbra – Perché il sole che brilla su di noi
Si no nos queremos ni mirar – Se non abbiamo nemmeno vogliamo di guardarci
Tantas penas que nos van llevando a todos al final – Tanta solitudine ci sta portando alla fine
Cuantas noches, cada noche, de ternura tendremos que dar –
Quante notti , ogni notte, di tenerezza dovremo offrire
Para qué vivir tan separados – Perché vivere così distanti
Si la tierra nos quiere juntar – Se la terra ci vuole insieme
Si este mundo es uno y para todos – Se questo mondo è uno e per tutti
Todos juntos vamos a vivir – Insieme, tutti insieme vivremo.

facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
Gallery